Risultati 

RSS Iscriviti a un feed RSS sempre aggiornato.

30 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento



Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
BlackBerry protegge dal Malware CoViper
Il Coronavirus per molti ha rappresentato un elemento di criticità e di rischio, per altri un’opportunità e una possibilità di guadagno. Lo è stato sicuramente per cybercriminali che hanno tratto vantaggio dal bisogno di informarsi sul Coronavirus e su come proteggersi per attivare diffuse campagne di phishing, spesso agendo nei panni di alcuni dei principali enti internazionali preposti al controllo e alla prevenzione dalle malattie (CDC , WHO ). La cybercriminalità ha colpito piattaforme Windows ma anche Android e Linux nella forma di attacchi Trojan, randomware e wiper.
Si trova in CleverMobile Distribution e Lookout.
Fuori dalla pandemia innovando in sicurezza
Si esce dalla pandemia con buone pratiche e comportamenti intelligenti. Si supera la crisi economica determinata dalla pandemia investendo in nuove tecnologie, nel digitale e nella trasformazione che ne deriva. Il digitale da solo però non basta ad affrontare una crisi che ha cambiato e cambierà il mondo attuale, nella psiche delle persone, nella società ma anche nelle aziende e nelle organizzazioni, siano esse private o pubbliche.
Si trova in CleverMobile Distribution e Lookout.
Business as usual!
Il Coronavirus ha complicato le cose, molte le ha rese insopportabili, altre le ha facilitate e favorite. Tutti, individui e organizzazioni, hanno dovuto riadattare i propri tempi, le proprie abitudini e i comportamenti a nuove modalità di stare a casa, di relazionarsi alle persone e di fare business. Novità rese necessarie dalla paura del contagio, dalla necessità di impedirne la diffusione e dal distanziamento fisico e sociale che ne è derivato. Ci si è confrontati con la pandemia per mesi. Ora che sembra sia finita, in molti pensano che non lo sia e che rimarrà con noi, quantomeno per i suoi effetti, ancora a lungo. Forse fino alla prossima che potrebbe arrivare.
Si trova in CleverMobile Distribution e Lookout.
Il coronavirus come acceleratore della trasformazione digitale
Si parla da tempo della capacità di accelerazione della tecnologia. Il coronavirus, e la pandemia che ne è derivata, ha fatto da propulsore ulteriore verso le tante trasformazioni digitali che le nuove tecnologie hanno da tempo attivato. Lo hanno fatto in primo luogo agendo a livello culturale evidenziando le molteplici possibilità offerte dalla tecnologia. Possibilità sperimentate in pratiche e comportamenti che, durante il confinamento, hanno permesso a tante persone di misurarne la validità e produttività, la convenienza e utilità, la facilità d’uso e l’applicabilità delle tecnologie digitali ad ambiti di vita tra i più diversi. Queste possibilità hanno coinvolto anche aziende e organizzazioni, ben al di là delle pratiche dello smartworking.
Si trova in CleverMobile Distribution e Lookout.
Senza BlackBerry Spark non c’è sicurezza
Una iperbole, usata non per esagerare o amplificare un concetto, ma per evidenziare il valore e le potenzialità di una suite di prodotti per la sicurezza informatica in azienda e nelle organizzazioni. Nota con il nome di SPARK, la suite propone alle aziende una gamma di prodotti per la sicurezza finalizzati alla protezione di tutte le componenti tecnologiche e degli asset informativi aziendali. L’obiettivo è offrire, a costi quantificabili e gestibili nei budget disponibili, una soluzione alla gestione della complessità che caratterizza da tempo il panorama della sicurezza aziendale.
Si trova in CleverMobile Distribution e Lookout.
Malware alla fase due del coronavirus
Tanto tuonò che piovve! Dopo innumerevoli gossip, anticipazioni, detti e non detti, il presidente Conte parlò e tutti gli italiani seppero che una fase due esiste (Eureka!). Chissà se i cybercriminali hanno anch’essi pianificato una fase due. E chissà se chi in azienda è preposto a tenerli a bada o lontani lo ha fatto. Con quali strumenti e agendo in quali ambiti, con quali strumenti? Si dice che dopo il contagio nulla sarà più come prima. Vale anche per l’ambito della sicurezza informatica? E se il dopo fosse peggio del prima? Acculturarsi, attrezzarsi, dotarsi di strumenti efficaci e innovativi è forse il modo corretto per favorire l’emergere di futuri sicuri ma anche per costruirli e dare loro forma. Parafrasando Nietzsche noi “siamo attori del presente e costruttori di avvenire”.
Si trova in CleverMobile Distribution e Lookout.
Smart non basta, serve consapevolezza
Il coronavirus ci ha resi smart. Così racconta la diffusione dello smartworking, anche in Italia. E se non bastasse? Più che smart meglio essere clever e consapevoli, sia a casa sia in mobilità. Smart è sinonimo di intelligenza e abilità nel farne uso. Clever descrive una persona sveglia che sa come affrontare situazioni difficili e imprevedibili in modi non ordinari. Per questo è più (tecno)consapevole, attrezzato nel prevenire eventi inaspettati che richiedono elaborazione rapida e innovativa di pensiero critico. Un’abilità da considerare sia nel restare a casa al tempo del coronavirus, sia a quello che seguirà, fatto di maggiore smartworking e lavoro agile, di nuove sfide, personali, lavorative e professionali.
Si trova in CleverMobile Distribution e Lookout.
Zoom Zoom Zoom
Zum, zum, zum, la canzone che mi passa per la testa era la sigla (Silvye Vartan e Mina) di una delle più popolari Canzonissime televisive, poi diventata anche un film (1968) diretto da Bruno e Sergio Corbucci. Oggi con un nome storpiato all’inglese, zoom, zoom, zoom, è diventata la sigla di una canzonissima al tempo del coronavirus. Una sigla che sembra fare da sottofondo a un nuovo tipo di spettacolo, virtuale, interconnesso e globale, con innumerevoli protagonisti, programmi, video, ecc. Una sigla capace anche di marcare musicalmente, come l’ambient music marcava aeroporti e centri commerciali, le azioni di altri protagonisti, inattesi ma molto attivi con l’obiettivo di rubare la scena a tutti gli altri.
Si trova in CleverMobile Distribution e Lookout.
La società del rischio e la sicurezza digitale
Secondo il sociologo Ulrich Beck, teorizzatore della società del rischio, è possibile anticipare pericoli e superare paure solo se si comprende che il rischio è al centro della vita di ognuno di noi. Ce lo ha insegnato il coronavirus, anche se non è detto che abbiamo appreso la lezione. Il rischio è diventato l’orizzonte e lo scenario reale nel quale ci troviamo immischiati, come singoli, come organizzazioni e come imprese. Oggi il contagio ha fatto percepire a tutti la vera natura del rischio e quanto esso sia determinante nel raggiungimento dei risultati, nel definire visioni future, nell’orientare strategie e azioni per trarne benefici e vantaggi. O per non pagarne le conseguenze e gli effetti. Il rischio è anche digitale e legato alle sfide che la cybercriminalità e le nuove tecnologie pongono a tutti, individui, aziende, organizzazioni, siano esse private o pubbliche.
Si trova in CleverMobile Distribution e Lookout.
Sicurezza nell’incertezza
Viviamo tempi strani, dominati dal progresso economico percepito e dalla volontà di potenza determinata dall’accelerazione tecnologica, al tempo stesso dall’incertezza che evidenzia paura e tanta insicurezza. Quest’ultima esistenziale prima ancora che sociale, politica o informatica. Una insicurezza che nasce dal doversi confrontare con un mondo, problemi e contesti in continuo e rapido cambiamento che fanno percepire un aumento di rischi, pericoli e difficoltà.
Si trova in CleverMobile Distribution e Lookout.

Hai bisogno di un preventivo o di informazioni?


Grazie per averci contattato.

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità CleverMobile iscriviti alla nostra newsletter.