Tratto dall'articolo originale di 01net.it

01net Iphone01a

In un'indagine europea Vmware l'81% dei responsabili It tricolore ha o sta per implementare soluzioni per sostenere e mettere in sicurezza i "ribelli della mobility". Ma il 70% non ritiene prioritario occuparsi dei dati sensibili salvati su personal device.

Aziende lontane dal fornire strumenti mobili o applicazioni adatte alla produttività dei propri dipendenti e dipartimenti It incapaci di far fronte alle richieste degli utenti interni. È questa l’immagine fornita dall’ultima indagine europea condotta per Vmware da Vanson Bourne su 1.500 responsabili It e 3.000 dipendenti impiegati in aziende tra i 500 e i 5.000 dipendenti in Inghilterra, Francia, Germania, Olanda, Italia e Paesi Nordici.

Da noi soprattutto, dato che l’81% dei responsabili It tricolore dichiara di aver implementato o di avere in programma di implementare soluzioni a sostegno del Byod, rispetto a una media europea del 72%.
Ma non solo  ... [continua]

In Italia, il 62% dei Cio intervistati dichiara che nel 2013 saranno predisposti sistemi e policy che assumano come norma, e non come eccezione, che i dipendenti siano mobili e accedano ai dati da remoto.

Sarà perché, secondo i dati emersi dalla survey, ben il 65% dei dipendenti di casa nostra non pensa che la propria azienda fornisca gli strumenti mobili o le applicazioni adatte per essere produttivi ed efficienti o delle policy in ambito mobile che assicurino la giusta flessibilità per lavorare in modo efficace in movimento (63%).

O perché ben il 57% afferma di aver salvato, inoltrato, ricevuto o modificato un documento aziendale utilizzando il proprio dispositivo personale, mentre pur prendendo in considerazione, nel 53% dei casi, quali implicazioni per la sicurezza comporti salvare dati aziendali su servizi di file hosting online free, ben il 45% degli utenti “consapevoli” abbia comunque pubblicato un documento della propria azienda online.

Quali sono le richieste più importanti emerse dai collaboratori aziendali nel nome della produttività mobile?

Continua a leggere l'articolo originale di 01net.it < clicca qui.